Cerca Vini!

il Portale dei Vini Italiani

Elenco Produttori Vino Italiani Elenco Enoteche Italiani Elenco Disciplinari Italiani Elenco Vini Italiani

Promuovi la tua azienda su Cercavini

Esame Olfattivo

Per favorire al meglio questo tipo di esame è necessario il bicchiere giusto. Infatti bisogna averne uno che indirizzi l’odore verso le nostre narici per evitare di disperderlo velocemente e, per assuefazione, non riuscire più a percepirlo.
La mano va tenuta lontana dalla parte alta del bicchiere per evitare di mischiare i propri odori col profumo del vino. Dopo bisognerà odorare in modo veloce e ripetuto prima di assuefarsi del profumo della bevanda. La prima volta che si annusa bisogna porre il bicchiere in posizione leggermente inclinata e diritta verso il naso. Così potrete verificare l’intensità del profumo che potrà essere:

  • Scarsamente intenso
  • Abbastanza intenso
  • Intenso
  • Molto intenso

Nella seconda parte dell’esame olfattivo, dovrete far roteare il vino nel bicchiere verso sinistra per dargli ossigenazione e il liquido sprigionerà meglio le sue sostanze odorose. Sentirete il profumo prima da una narice e poi dall’altra verificando se l’intensità, prima percepita, è persistente. Quindi la scala di valori sarà:

  • Scarsamente persistente
  • Abbastanza persistente
  • Persistente
  • Molto persistente

In questa fase riuscirete anche a riscontrare i maggiori difetti del vino come l’odore di tappo o, al peggio, un odore di “spunto” ovvero di aceto. I prodotti di un vino variano, anche,dall’età del prodotto. Per i vini giovani avremo profumi freschi, eterei e vinosi. Profumi fruttati per i vini già maturi. E profumi di spezie, animali, sottobosco dei vini invecchiati. Per il profumo del vino andranno, quindi, considerati:

  • La franchezza (evoca equilibrio e fragranza)
  • La pulizia (integrità nei profumi, che permane)
  • La finezza (impressione di delicatezza)
  • L’intensità (misura la forza delle sostanze volatili)
  • La persistenza (continuità con l’intensità del primo approccio olfattivo)
  • La consistenza (densità dei profumi percepiti che ha una stretta relazione con la concentrazione di alcool e aromi)
  • La complessità dei profumi (il famoso bouquet)

Esistono poi odori non accettabili qui sotto elencati:

  • Odore di legno: I tannini che vengono ceduti al vino dalle botti, generalmente servono a rafforzare l’equilibrio di un vino, ma quando non viene fatto in maniera saggia, l’odore si ripercuote sul gusto del vino.
  • Odore di tappo: è dovuto alla presenza di muffe sul tappo che provocano la trasformazione di alcune sostanze del sughero.
  • Odore di feccia: è dovuto a tecniche di vinificazione poco attente o travasi effettuati in ritardo. Assomiglia all’odore delle uova marce.
  • Odore di botte:dovuto all’uso di botti troppo vecchie. Sensazione di marcio-vinoso.
  • Ossidazione: ricorda l’odore di frutta cotta o minestrone
  • Aceto:dovuto al passaggio di ossigeno dentro la bottiglia
  • Odore di sudore di cavallo:provocata dal lievito Brettanomyces


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Friuli Veneto Lombardia Valle d'Aosta Piemonte Liguria Emilia Romagna Trentino Toscana Marche Umbria Lazio Molise Abruzzo Campania Puglia Basilicata Calabria Sicilia Sardegna