Gianpiero – sul vino passito

Domanda da Gianpiero:

vorrei sapere tutti i passaggi per fare il vino passito e i
travasi da fare

^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^

Risposta:

salve Gianpiero,rispondo con piacere alla tua domanda:

io, dividerei la produzione del vino passito in 5 fasi, la
scelta dell’uva, l’appassimento, la torchiatura, la
fermentazione e l’affinamento.

– la scelta dell’uva: il vino passito si elabora partendo da
uve perfettamente sane, raccolte presto e lasciate
appassire in locali arieggiati, in modo da permettere il
dissecamento naturale e progressivo dei grappoli; la
selezione dei grappoli maturi deve essere rigorosa poichè
devono essere esenti da qualsiasi muffa.

– l’appassimento: l’operazione di appassimento prevede la
disposizione dei grappoli su un letto di paglia (disposta
in cassette di legno) o su graticci o appesi a un filo
vicino al soffitto in locali ben arieggiati (alcuni
tagliano i tralci e li lasciano a passire sulla vite); il
periodo di appassimento va da un minimo di sei settimane
fino a 4 mesi, in funzione dell’andamento climatico (es.
tasso di umidità); bisogna controllare giornalmente i
grappoli eliminando tempestivamente quelli con segni di
alterazione (la muffa grigia è sempre in agguato); durante
questo periodo l’uva subisce l’evaporazione dell’acqua con
conseguente concentrazione degli zuccheri (fino al 30-40%);
da 100 kg di uva fresca si ottengono in genere 60 kg di uva
appassita che daranno 25-30 litri di vino.

– la torchiatura: la torchiatura può avvenire quindi dopo 6
settimane, a fine dicembre, a febbraio oppure nella
settimana Santa (da cui il nome “Vin Santo” dato a diversi
vini torchiati nella settimana di Pasqua); le uve a questo
punto saranno quasi candite.

– la fermentazione: comincia così un lungo periodo di
fermentazione, in funzione della temperatura ambiente, che
si fermerà quando il vino aggiungerà i 15° e i lieviti
interromperanno spontaneamente la loro attività di
trasformazione dello zucchero in alcol; gli zuccheri non
fermentati saranno gli zuccheri residui; la durata della
fermentazione può essere anche di 2-3 mesi; a fine
fermentazione si travasa ( successivi travasi saranno
necessari se in presenza di molta feccia, che dipende dal
tipo di uva) e , volendo si può filtrare con filtri a sacco
in modalità caduta.

– l’affinamento: avviene in fusti di legno per un tempo più
o meno lungo, sempre in funzione del tipo di uva e del vino
che si vuole ottenere.

Spero di essere stato esauriente (sono comunque a
disposizione) e invio molti saluti, Guido.

OFFERTE PER I NOSTRI EBOOK

+ = 21 .00 euro
VINO FAI DA TE (15 euro) + PRONTO SOCCORSO VINO (12 euro)...
a 21 euro invece di 27 euro! [Risparmi 6 euro]