Francesco – tappi ebollitori


Domanda di Francesco:

Salve Guido.
Terrò presente la tua risposta specialmente quando
imbottiglierò i pochi
litri che rimarranno in primavera. Adesso ti prego levami
qualche altro
dubbio.
Non ho una cantina nè un cantinato. Il vino l’ho fatto
in uno stanzino
fornito di finestra. Le damigiane, da 25 litri, le ho
messo su tre sedie
ben
ancorate per evitare dei movimenti dannosi. I tappi con
sifone ad acqua si
riempiono spesso di qualche goccia di vino spinta verso il
sifone. Faccio
bene
se con l’aiuto di un contagoccie aspiro il liquido
eccedente?? Inoltre
faccio
bene se per mantenere alle damigiane una temperatura da
cantina le avvolgo
con
tessuto innaffiandolo con acqua periodicamente??
Infine, i tappi con sifone devono essere applicati anche
per i travasi
successivi??
Grazie e “buon vino” Pileo.

Egr. Guido, posso insistere per una risposta?? Scusa se
sono insistente.
Grazie e “buon vino” PIleo.

Risposta:

Salve Francesco, scusa il ritardo ma da ieri pomeriggio,
per vari motivi, non sono riuscito a vedere la posta.
Adesso, appena aperta, ti rispondo:

– nella fase di fermentazione lenta c’è ancora sviluppo di
anidride carbonica, come vedrai dalle bolle che passano
attraverso l’acqua del tappo ebollitore, accompagnato da un
lieve aumento di volume; in questa fase, visto che il vino
è protetto dall’atmosfera di anidride carbonica, si può
tenere il livello delle damigiane più basso del normale (se
l’acqua dell’ebollitore è stata inquinata dal vino è meglio
sostituirla).

– tenere fresche le damigiane con il tuo metodo è meglio di
niente ( se la temperatura invernale non scende tanto sotto
zero si potrebbe farle raffreddare in terrazza, dato chè il
freddo invernale aiuta a spogliare il vino degli ultimi
sedimenti;

– dopo il primo travaso, in genere non c’è più traccia di
fermentazione, non è più necessario utilizzare i tappi
ebollitori ma bisogna mettere una pastiglia antifioretta e
il classico tappo di plastica (la pastiglia va sostituita
ad ogni travaso e comunque ogni 30 giorni).

Sempre buon vino, Guido


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.