Noi facciamo così – fermentazioni 2009/10

Il giorno dopo la pigiatura, dal tino di fermentazione1 travasiamo il mosto bianco fiore in altro tino per separarlo dai primi fondi decantati, poi lo ritravasiamo nel tino di fermentazione 1 (nel frattempo pulito) dove prosegue la fase di fermentazione. Dal tino di fermentazione 2 (dove durante la notte si forma il cappello) preleviamo il mosto bianco e torchiamo bene le bucce; il torchiato lo uniamo al liquido prelevato e rimessi nel tino di fermentazione 2 (nel frattempo pulito) per la fase di fermentazione; le bucce vengono lasciate nel torchio. Questo mosto lo chiamiamo bianco torchio.

Dal tino di fermentazione 3 (anche qui si forma il cappello) si preleva il mosto nero e si torchiano bene le bucce, che si mettono sopra quelle del bianco. Separiamo le bucce dopo neanche 24 ore perchè negli anni precedenti il vino nero era venuto troppo colorato e alquanto tannico. Il mosto prelevato, che chiamiamo rosso fiore, si rimette nel tino di fermentazione 3 (intanto pulito)mentre il torchiato (spremuto per altri 2 giorni) viene messo nel tino di fermentazione 4 e lo chiamiamo rosso torchio. La fermentazione di entrambi prosegue come al solito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.