Lavori in campo a marzo


Nel mese di marzo, terminata la potatura secca, iniziamo a legare i capi ( metodo per far produrre di più la vite ma che richiede molto impegno di tempo e lavoro). L’obiettivo è quello di tenere i grappoli più o meno alla stessa altezza, ricordando che è proprio dagli occhi più alti che la vite butta i tralci più vigorosi. La legatura viene fatta con i “torchi” o “salci” che danno al lavoro una connotazione più rustica ma la viticoltura attuale propone i fili di plastica o una potatura senza legatura. Mentre si lega vengono sostituite le canne di sostegno.assorbimento delle radici. Si continuano i lavori di manutenzione e si lavora il terreno tra i filari, con la motozappa, e tra i ceppi con la zappa. Eventualmente concimare (prima parte).


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.