Cioccolato, cosa c’è da sapere


Il cacao è da sempre uno degli alimenti più amati in tutto il mondo, ma bisogna stare attenti con le dosi a causa della presenza di zuccheri e grassi.

Dove si ricava il cacao, l’iter di estrazione

Il cioccolato è un alimento ricco di calorie, grassi e zuccheri. Viene definito il suo consumo superfluo in quanto il suo apporto non è necessario dal punto di vista nutrizionale. Infatti, tutti i suoi nutrienti e componenti possono essere trovati in altri alimenti, molti dei quali meno calorici.
Il cioccolato è una miscela omogenea di cacao in polvere o pasta di cacao e zucchero a velo, a cui potrebbe essere aggiunto burro di cacao. In ogni caso, deve contenere almeno il 35% dei componenti del cacao.
Se in generale, esiste una grande varietà di cioccolato, tuttavia è possibile raggruppare quelli tradizionali; su www.pernigottigelatieri.com/ vi è un’area dedicata a tutti i gusti del gelato al cioccolato.
Tutto il cioccolato, incluso il cioccolato bianco, inizia con il frutto dell’albero del cacao. Dopo la raccolta, i fagioli vengono fatti fermentare fino a una settimana per sviluppare i loro sapori e lasciarli asciugare.

Per fare il cioccolato, i fagioli secchi vengono arrostiti, quindi divisi per separare la buccia esterna dai semi interni, che hanno un sapore nocciolato e terroso e una consistenza croccante, ecco perché sono eccellenti se aggiunti ai prodotti da forno.
I semi sono composti da metà solidi di cacao e metà burro di cacao.

Cioccolato, quali le principali tipologie

Il cioccolato fondente deve contenere almeno il 43% di cacao. Maggiore è il contenuto di cacao, più amaro è il suo sapore e minore sarà la percentuale di zuccheri e grassi, ecco perché spesso gli sportivi un’ora prima di allenarsi assumono un quadrato di cioccolata fondente 90% per avere l’energia necessaria per un buon allenamento.

Il cioccolato al latte è invece il tipo di cioccolato a cui è stato aggiunto il latte agli ingredienti caratteristici di questo prodotto.

Il cioccolato bianco – uno dei più amati – è a base di burro di cacao, zucchero e solidi del latte. È molto calorico, si sconsiglia un uso frequente, una volta a settimana come dose massima consentita.
Altrettanto goloso e calorico è il cioccolato con noci o cereali. Deriva da un cioccolato a cui sono stati aggiunti dall’8% al 40% di nocciole, mandorle, noci, pinoli o cereali tostati, interi o tritati, la percentuale varia in base alle scelte dei marchi produttori di cioccolata.

Infine, il cioccolato alla frutta. Cioccolato fondente o al latte a cui sono stati aggiunti tra il 5% e il 40% di frutta, interi o in pezzi, essiccati o canditi. Tra le varietà più apprezzate di questo tipo di cioccolata è quello con pezzi di arancia.

Cioccolato sì, ma con moderazione

Il cioccolato è un alimento molto energico, cioè apporta un’alta quantità di calorie grazie al suo contenuto di grassi e carboidrati. Da un punto di vista nutrizionale, le differenze tra i principali tipi di cioccolata in termini di apporto di nutrienti non sono significative. In questo senso, la raccomandazione di scegliere il cioccolato fondente è spiegata, più che dal suo profilo nutrizionale, dal suo maggior contenuto di flavonoidi, sostanze a cui sono attribuiti effetti benefici per la salute cardiovascolare e che sono in maggiore concentrazione in cioccolata con una più alta percentuale di cacao.

Si consiglia sempre di consumare il cacao con moderazione, ovvero non esiste una quantità al di sopra della quale il danno associato alla sua assunzione sia ben definito, il che rende difficile stabilire una quantità raccomandata o limiti di consumo massimo.

In ogni caso, va tenuto presente che il cioccolato è un alimento che fornisce una quantità non trascurabile di calorie da zuccheri e grassi.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.