Mimmo – trattamento botti


Domanda di Mimmo:

Gentili signori
grazie al vostro consiglio, ( vino con sapore di legno (Rovere ))
Usando il metodo con l’ olio di vasellina
ho risolto il problema al 95% quindi
accettabile.
Vorrei sapere per la prossima vendemmia come trattare la botte per evitare il sapore di rovere
Grazie Mimmo

Risposta:

Salve Mimmo:
prima di usare contenitori di legno (botti, tini, etc.) nuovi o usati bisogna procedere alla pratica dell’abbonimento che consiste nell’attuare uno dei seguenti trattamenti:
Vaporizzazione: si utilizza vapore d’acqua con un apparecchio generatore e poi si lava con acqua. Come sfiatatoio, al cocchiume mettere un tappo di legno scannellato.Poichè la temperatura del vapore è di circa 120 °C, la durata del trattamento non deve essere molto lunga per evitare la deformazione della botte.
Metodo lento: trattamento con acqua con disciolto il 3-4% di cloruro di sodio (sale da cucina) per almeno 20 giorni.
Metodo rapido:trattamento con una soluzione di acqua e acido solforico al 3%. Poi si neutralizza trattando con una soluzione al 3-4% di carbonato di sodio per 24-48 ore.
Dopo ogni tipo di trattamento scelto deve essere fatto un lavaggio finale con una soluzione di acqua e acido tartarico al 2-3%.
Ci sono poi operazioni di risanamento, destinate a contenitori che hanno già contenuto vino e sono alterati da presenza di muffa. Se la muffa non è profonda ed è disposta su uno strato superficiale basta fare un trattamento con una soluzione di acqua e soda al 2-3%; se la muffa è profonda non c’è più niente da fare.
Ciao e a risentirci, Guido.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.