La spumantizzazione con il metodo Charmat


Questa tecnica consiste nell’ottenere la presa di spuma, sempre con zucchero e lieviti aggiunti al vino base, in grandi recipienti a tenuta di pressione (autoclavi) con passaggio finale in bottiglia.
Rispetto al metodo classico, dove la stabilizzazione è affidata, per lunghi mesi, alla naturale precipitazione in bottiglia, i tempi di lavorazione sono brevi e quindi bisogna procedere ad interventi stabilizzanti ancora sul vino base.
L’autoclave dove avviene la presa di spuma è un recipiente, in genere d’acciaio, di capacità variabile da alcune a decine di ettolitri, collaudato a pressione e raffreddato con termostato per regolare la temperatura del vino.
Al vino base vengono aggiunti lo zucchero, i lieviti e i sali minerali, come nel tirage del metodo classico.
Dopo un periodo di fermentazione variabile da pochi giorni ad alcuni mesi (in funzione della temperatura) lo spumante, più o meno refrigerato a scopo chiarificante, viene centrifugato isobaricamente per separarlo dalla maggior parte dei depositi poi viene travasato in altra autoclave per essere ulteriormente chiarificato e dove si aggiunge il dolcificante.
Da questa autoclave, sempre isobaricamente, viene filtrato e messo nelle bottiglie che vengono tenute ancora per qualche mese in cantina per stabilizzarsi.
Questa tecnica si adatta a vini che organoletticamente richiedono una sosta minima sulle proprie fecce di rifermentazione; vini fruttati e aromatici come, ad esempio, l’Asti spumante e il Prosecco di Conegliano.


2 pensieri riguardo “La spumantizzazione con il metodo Charmat

  • Salve, vorrei ottenere del vino spumante sfruttando solamente lo zucchero dell’uva, è possibile? Ho effettuato la svinatura a 4/4,5 gradi di zucchero e poi messo in damigiane con tappi a sifone e lasciato li in cantina fin’ora. Ad inizio Gennaio mi hanno consigliato di travasare il vino, togliendo il residuo di mosto, e rimetterlo in damigiana. Poi ad inizio febbraio se lo imbottiglio non devo aggiungere lambiccato x fare le spumanti. Va bene questo procedimento x ottenere spumanti solo con lo zucchero dell’uva? Chiedo anche a voi che siete molto più esperti nel campo. Grazie in anticipo

    Risposta
    • Buonasera, non capiamo bene l’indicazione di gradi relativamente allo zucchero, perché di solito si parla di grammi per litro di zucchero.
      Dobbiamo sapere quanti grammi di zucchero ci sono per darle un consiglio più preciso, quante atmosfere si sviluppano.

      Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.