Le bottiglie


Le bottiglie più usate sono:

Bordolese, a forma cilindrica regolare con il collo corto, di capacità 0,750 lt; di colore bianco per imbottigliare rosati, rossi giovani e anche i bianchi; di colore verde per i vini rossi e ambra per i rossi da invecchiamento.

Borgognona, a forma conica non regolare e panciuta, di capacità 0,750 lt; utilizzata per vini rossi pregiati.

Renana, elegante e affusolata è generalmente usata per i vini bianchi; di colore verde e, a volte, bianco.

Champagnotta, usata per Champagne e vini spumanti, ricorda la Borgognona ma è fabbricata in vetro molto resistente visto che deve sopportare pressioni di 7-8 atmosfere (in collaudo 10-12 atmosfere); è caratterizzata dal fatto che è predisposta per la chiusura con il tappo corona (nelle prime fasi della fermentazione in bottiglia) e da un anello sporgente per il fissaggio della gabbietta metallica sul tappo.
Normalmente di capacità 0,750 lt si possono trovare il “quarto” e la “mezza”, più piccole e le più grandi “magnum” (capacità 2 bottiglie), “Jèroboam” (4 bottiglie), “Rhèoboam” (6 bottiglie), “Mathusalem” (8 bottiglie), “Salmanazar” (12 bottiglie) e infine il “Nabuccodonosor” (20 bottiglie).

Ci sono altri tipi di bottiglie usate per vini tipici come ad esempio quella “ad anfora” del Verdicchio.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.