Giovanni – fragolino e metanolo


Domanda di Giovanni:

e’ vero che il vino fatto con una fragola quando va in fermentazione dopo la premitura
SPRIGIONA ALCOL METILICO ANZICHE’ ALCOL ETILICO?
SE SPRIGONA ALCOL METILICO E VERO CHE STO CREANDO UN VINO AL METANOLO?

Risposta:

Ciao Giovanni,

la legge anche a livello europeo vieta, e non per motivi salutaristici bensì
per motivi protezionistici del mercato, la vendita del vino fatto con
l’uva fragola (ma non vieta la produzione per uso familiare). Anche per
giustificare queste restrizioni si è sempre parlato del maggior contenuto di
metanolo nel fermentato rispetto alle viti europee. Vero, ma le differenze
sono molto piccole e si annullano se nella fermentazione non si mettono
bucce, graspi e vinaccioli. Durante la fermenazione lo zucchero si trasforma in ALCOL ETILICO e l’ alcol metilico è presente in maniera trascurabile
La legge non vieta tale vino per il fatto di contenere un po’ più di
metanolo, come credono i profani ma sotto sotto c’è tutta una lunga storia di
ibridi, incroci, regolamenti etc.
In conclusione si può coltivare l’uva fragola per utilizzarla sia come uva da tavola che per fare vino ad uso familiare.

Ciao e a risentirci,
Guido


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.