La pigiatura

Per ottenere il mosto dagli acini d’ uva bisogna rompere la buccia che riveste la polpa e spremerla. Un tempo la pigiatura veniva eseguita da uomini che entravano nei tini e sciacciavano l’uva con i piedi. Attualmente esistono macchine che, anche a livello artigianale, permettono una pigiatura soffice degli acini, in modo da evitare la dannosa rottura dei vinaccioli, e l’ immediata eliminazione dei raspi che darebbero al vino un sapore eccessivamente aspro e astringente.

OFFERTE PER I NOSTRI EBOOK

+ = 17 .00 euro
a 17 euro invece di 21 euro! [Risparmi 4 euro]