Costanzo – vinificazione bianco

Domanda di Costanzo:

sull’ultima e-amail mi hai detto che potevo chiederti qualsiasi cosa senza problemi
e nel ringraziarti anticipatamente approfitto della tua gentilezza e disponibilità.
venerdi’ dovrei vendemmiare il mio trebbiano d’abruzzo(circa 2 q.li di uva) attualmente
fa circa 20 gradi balbo e ti vorrei proporre un riepilo teorico ( vediamo se ho studiato bene),
per la pratica ti farò sapere in seguito.
RIEPILOGO
vendemmio e pigio l’uva bianca e tolgo i raspi e metto il metabisolfito per
20 gr a quintale circa, metto tutto in una tina coperta con un lenzuolo di cotone (per
poter far passare l’aria me l’ho ha consigliato un contadino). dopo 24 ore o al mattino dopo
tolgo le bucce e li torchio rimettendo il mosto nella tina tutto insieme , metto l’attivante di fermentazione e i lieviti (la quantità
la vedo sulla confezione ) in modo tale che inizi la fermentazione.
tutto ciò durerà almeno 4- 5 giorni per poi procedere alla svinatura e
metterò il chiarificante.
DUBBIO
se ho capito bene mi conviene mettere il chiarifcante nella tina e aspettare 3-4
giorni per separare la parte solida, per poi mettere tutto il mosto nelle damigiane con il tappo gorgoglitore giusto?
quindi riepilogando sarebbe da mettere lieviti e attivanti, apettare 4-5- giorni per poi svinare, mettere
il chiarificante aspettare 3-4- giorni risvinare e mettere nelle damigiane con i tappi gorgoglitori.
appena non ci saranno più le bollicine d’aria procederò ai travasi;
Adesso non ho quando metterò la pasticca antifioretta o l’olio enologico,
la metto dopo che è finita la fermentazione lenta con il tappo gorgogliotre?e ogni
volta che travaso la rimetto oppure la metto all’ultimo travaso ?
E’ giusto questo procedimento? se ho capito qualcosa di sbagliato me lo correggi per favore?
Grazie Mille Amabili Costanzo

Risposta:

Ciao Costanzo.
vediamo:
vendemmia – se l’uva è sana puoi ridurre la quantità di bisolfito
pigiadiraspatura – ok
fermentazione – il mattino dopo cerca di separare i depositi che sono decantati sul fondo e torchia le bucce senza esagerare con la pressione – lieviti e attivante ok (ma puoi far fermentare anche con solo i lieviti autoctoni) – tieni sotto controllo l’abbassamento del grado zuccherino con il mostimetro babo
svinatura – svina quando il mostimetro segna circa 3 travasando, con separazione dei fondi, prima in un tino per miscelare il chiarificante e subito dopo in damigiana con tappo ebollitore – dopo 3-4 giorni (anche 7) separare i fondi rimettendo in damigiana con tappo ebollitore (dove proseguirà la fermentazione lenta)
conservazione – a fine novembre si fa un’altro travaso e si metterà la pastiglia antifioretta e il tappo normale.
La pastiglia deve essere cambiata ad ogni travaso e comunque una volta al mese.
Eventualmente scrivimi quando, durante le operazioni, ti viene un dubbio.
Ciao e a risentirci,
Guido

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.